Dall’arte culinaria all’arte di amare

Che c’è di male a “prendere il partner per la gola”? Si sa che il piacere passa anche per lo stomaco perciò possiamo prendere spunto da questi piccanti consigli per risvegliare la libido sessuale.

Sicuramente non dobbiamo farci troppo influenzare da “voci di corridoio” o preparare compulsivamente pasti a base di certi alimenti per avere performance sessuali al top, però è anche vero che qualche volta un aiutino non guasta! Chiunque avrà sentito parlare dei fatidici “cibi afrodisiaci”, ma cosa sono realmente? E che potere nascondono? Afrodisiaco (che deriva dal nome della dea greca Afrodite, dea della bellezza, dell’amore, della sessualità, della sensualità e della lussuria) è una qualsiasi sostanza assunta allo scopo di esaltare la libido o migliorare le prestazioni sessuali (vincere blocchi e riluttanze, aumentare il desiderio, assicurare migliori prestazioni, ecc.) e quel che è certo è che non si tratta di un’invenzione moderna poiché questi cibi erano conosciuti (e ampiamente utilizzati!chissà come mai…) da popoli quali greci, romani, egiziani, aztechi: gli antichi la sapevano lunga! Che tu, lettore, sia un lui o una lei, se prepari la cena al tuo partner non dimenticare di metterci un po’ di “passione” senza dimenticare che anche gli altri sensi, e non solo il gusto, devono essere soddisfatti a cominciare dalla tavola se vogliamo soddisfare qualche altra cosa dopo Allora possiamo aprire i nostri orizzonti sugli alimenti da degustare con il proprio partner prima del “dopocena” per aumentare il desiderio sessuale.

Dulcis in fundo, ma non per importanza, il cibo degli dei: il CIOCCOLATO. Le prime notizie riguardanti il cioccolato nella storia risalgono agli Olmechi e poi ai Maya (entrambe civiltà precolombiane, intorno al 1000 a.C.) che iniziarono a chiamare la pianta di Theobroma cacao con la parola “kakaw”, utilizzato dagli Aztechi e gustato dai nostri palati grazie a Colombo e Cortez che portarono i semi di cacao in Europa a seguito dei loro viaggi nelle Americhe. Ma a cosa sono dovute le sue proprietà afrodisiache già conosciute dai precolombiani? Tra le sostanze presenti nel cacao c’è la teobromina che influenza il sistema nervoso centrale agendo come stimolante e aumentando energia, prontezza di riflessi, concentrazione e desiderio sessuale. Sono presenti anche piccole dosi di feniletilamina prodotta in modo naturale dal nostro organismo durante l’innamoramento che ha come effetto il rilascio di dopamina, neurotrasmettitore legato al piacere in relazione al soddisfacimento a fame, sete e pulsione erotica.   Secondo il Journal of sexual medicine, chi mangia almeno un cubetto di cioccolato fondente al giorno ha più voglia di fare sesso: se qualcuno vuole cimentarsi faccia però attenzione alle calorie! Che fosse conosciuto come cibo degli dei per questo?? Ai posteri l’ardua sentenza.